Look della settimana – Lady Gaga bambolina truce in Marc Jacobs

Dopo i trionfi ai Golden Globes Awards e al Superbowl – dove ha incantato il Levi’s Stadium di San Francisco con la sua intensa performance dell’inno americano – Lady Gaga ha trovato un nuovo passatempo per ingannare il tempo prima dell’uscita del nuovo LP.

Oltre al cd inlady-gaga-marc-jacobs-fall-2016-ready-to-wear-showedito, per la cantante di origini italiane è alta l’attesa anche per la cerimonia degli Oscar, che potrebbe vederla nuovamente vincitrice con il brano ‘Til it Happens To You. Decisa comunque a rimanere sulla bocca di tutti anche questa settimana, Stefani Germanotta ha prestato il suo physique du rôle per la passerella F/W 16/17 di Marc Jacobs, sfilando in un audace Gothic look che ha riportato alla mente le mise decisamente poco convenzionali dell’interprete di Bad Romance.  In cappotto nero extra-large con pelliccia, blusa con fiocco e stivaloni vertiginosi, la diva ha messo in mostra tutta la sua vena drammatica e l’amore incondizionato – e mai sedato – per il mondo della moda. Il tutto condito da un cupissimo makeup e un’acconciatura che hanno enfatizzato ulteriormente l’effetto bambolina dell’orrore.

Un outfit decisamente più estremo rispetto a quelli sfoggiati ai Golden Globes e al Superbowl, dove in molti avevano fatto notare quanto Lady Gaga avesse intrapreso una strada più sobria in fatto di stile. Beh, che dire, si sbagliavano. Eccome.

gaga

gagawalking

gaga-jacobs

WHITNEY, BIOPIC SULLA STELLA CHE AMEREMO PER SEMPRE

“And I will always love you”

E’ ormai un automatismo inevitabile a chiunque l’associazione di queste sei parole con il volto – e soprattutto la voce – di un’artista che ha inciso la storia del pop, interpretando brani eternamente vivi nell’immaginario collettivo musicale. Una voce che appartiene all’indimenticabile Whitney Houston.

Figlia d’arte (la madre, Cissy Houston, è anch’essa una cantante pluripremiata, nonché zia della star dell’R&B Dionne Warwick), la vita per questa star dotata di un talento fuori dal comune e di una bellezza travolgente, non è stata purtroppo una storia a lieto fine. Sin da adolescente macina hit multiplatino, che si trasformano in tour mondiali, contratti a sei zeri e offerte cinematografiche, fino a renderla una delle stelle più brillanti nel firmamento dello spettacolo.

whitneyPoi l’incontro con il dannato ma irresistibile Bobby Brown. Dapprima l’amore della sua vita e il padre della figlia e in seguito un vero e proprio incubo ad occhi aperti da cui la Houston non riuscì ad evadere. Se non con un uso smodato di droghe e farmaci. Il triste epilogo della vicenda è ormai arcinoto e culmina con la morte della cantante l’11 Febbraio 2012 alla vigilia dei Grammy Awards, poco prima della festa del suo produttore di lunga data Clive Davis.

Tanto si è detto, scritto e ipotizzato sulla vita e sulla morte di Whitney Houston, ed ora a puntare di nuovo i riflettori sulla travagliata esistenza della regina della musica arriva il biopic Whitney, in onda in prima serata su MTV8 il 24 Febbraio.

Il film segna il debutto dietro la macchina da presa dell’attrice americana Angela Bassett (American Horror Story, Alias) e promette di raccontare la love story fra la Houston e Brown, il tutto condito dai più grandi successi della star a fare da sottofondo. Oggi sono riuscito a vederlo in anteprima grazie al servizio SkyGo (piattaforma su cui già è disponibile) e devo dire che mi ha suscitato reazioni contrastanti.

Continua a leggere per scoprire la mia recensione del film! Continua a leggere

#LETSGETINFORMATION!

I came to SLAY, bitch!
Dopo l’infuocata performance al Superbowl un nuovo singolo, un nuovo album, un tour mondiale. Come non essere terribilmente eccitati per il ritorno di Queen Bey?
Ok, ladies now let’s get in formation, the QUEEN is back!