WHITNEY, BIOPIC SULLA STELLA CHE AMEREMO PER SEMPRE

“And I will always love you”

E’ ormai un automatismo inevitabile a chiunque l’associazione di queste sei parole con il volto – e soprattutto la voce – di un’artista che ha inciso la storia del pop, interpretando brani eternamente vivi nell’immaginario collettivo musicale. Una voce che appartiene all’indimenticabile Whitney Houston.

Figlia d’arte (la madre, Cissy Houston, è anch’essa una cantante pluripremiata, nonché zia della star dell’R&B Dionne Warwick), la vita per questa star dotata di un talento fuori dal comune e di una bellezza travolgente, non è stata purtroppo una storia a lieto fine. Sin da adolescente macina hit multiplatino, che si trasformano in tour mondiali, contratti a sei zeri e offerte cinematografiche, fino a renderla una delle stelle più brillanti nel firmamento dello spettacolo.

whitneyPoi l’incontro con il dannato ma irresistibile Bobby Brown. Dapprima l’amore della sua vita e il padre della figlia e in seguito un vero e proprio incubo ad occhi aperti da cui la Houston non riuscì ad evadere. Se non con un uso smodato di droghe e farmaci. Il triste epilogo della vicenda è ormai arcinoto e culmina con la morte della cantante l’11 Febbraio 2012 alla vigilia dei Grammy Awards, poco prima della festa del suo produttore di lunga data Clive Davis.

Tanto si è detto, scritto e ipotizzato sulla vita e sulla morte di Whitney Houston, ed ora a puntare di nuovo i riflettori sulla travagliata esistenza della regina della musica arriva il biopic Whitney, in onda in prima serata su MTV8 il 24 Febbraio.

Il film segna il debutto dietro la macchina da presa dell’attrice americana Angela Bassett (American Horror Story, Alias) e promette di raccontare la love story fra la Houston e Brown, il tutto condito dai più grandi successi della star a fare da sottofondo. Oggi sono riuscito a vederlo in anteprima grazie al servizio SkyGo (piattaforma su cui già è disponibile) e devo dire che mi ha suscitato reazioni contrastanti.

Continua a leggere per scoprire la mia recensione del film!

Whitney non è una vera e propria biografia o meglio, lo è parzialmente, perché prende in considerazione un periodo di cinque anni (dal 1989 al 1994) della vita della Houston. Un periodo d’oro a livello lavorativo grazie all’incredibile successo dei suoi album in studio e al coinvolgimento nel progetto The BodyGuard con conseguente tour mondiale; ma parecchio tumultuoso per quanto riguarda la sua chiacchieratissima vita privata.

Ed è proprio sul complicato rapporto fra la diva e Bobby Brown che si focalizza il lungometraggio, diventando quasi ossessivo nel voler descrivere ogni singola interazione fra i due, per sfociare a tratti in una caratterizzazione sfocata e approssimativa dei protagonisti, danneggiati anche da una sceneggiatura traballante e sbrigativa.

Nonostante gli evidenti problemi di base – forse dovuti anche alla poca esperienza da regista della Bassett – Whitney è consigliato se non altro per il convincente sforzo della protagonista Yaya DaCosta nell’impersonare la cantante. Oltre alla notevole somiglianza fisica, l’attrice fornisce una performance pulita, precisa, trascinante. E’ una vera gioia ammirare come l’ex modella – anche per la DaCosta si tratta di un debutto, in quanto alla sua prima vera prova recitativa- sia riuscita a catturare l’essenza della Houston, farla sua, e donarla in modo mai forzato o caricaturistico agli spettatori di questa pellicola.

Whitney-Houston-film-biografico-con-la-modella-Yaya-DaCosta

L’incredibile somiglianza fra Yaya DaCosta e Whitney Houston

Impeccabile nella sua fedele trasposizione, la DaCosta oscilla con coraggio dalla Whitney osannata e regina dal palcoscenico alla Whitney malconcia, drogata e alle prese con i suoi demoni. Demoni che purtroppo la hitmaker non è mai riuscita a sconfiggere e che non contenti hanno afflitto anche la figlia Bobby Kristina, morta di overdose lo scorso Luglio dopo una lunga degenza in coma farmacologico.

Whitney, non è certo imperdibile – e a sua difesa diciamolo, i biopic non sono mai terra facile – ma ancora una volta ci ricorda quanto abbiamo amato quella ragazza stupenda, la tigre del palcoscenico ma anche la mamma, la moglie, la figlia, la normalità in un universo impossibile. Ogni fan sicuramente apprezzerà (e non poco).

 whitney-houston-Angela-Bassett-8272

Whitney di Angela Bassett, in onda il 24 Febbraio su MTV8 alle 21.00 o OnDemand su Sky

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...